Rilasci Exchange Settembre 2016

Exchange2013.png

Oggi il Team Exchange ha rilasciato gli updates trimestrali di Exchange Server:

https://blogs.technet.microsoft.com/exchange/2016/09/20/released-september-2016-quarterly-exchange-updates/

Il rilascio include il Cumulative Update 3 per Exchange 2016, il Cumulative Update 14 per Exchange 2013, l’Update Rollup 15 per Exchange 2010 SP3 e l’Update Rollup 21 per Exchange 2007 SP3:

Exchange Server 2016 Cumulative Update 3 | KB3152589 | UM Language Pack

Exchange Server 2013 Cumulative Update 14 | KB3177670 | UM Language Pack

Exchange Server 2010 SP3 Update Rollup 15 | KB3184728

Exchange Server 2007 SP3 Update Rollup 21 | KB3184711

Colgo l’occasione per ricordare che ad Aprile 2017 Exchange 2007 andrà in “end of support”:

https://blogs.technet.microsoft.com/exchange/2016/04/11/exchange-server-2007-t-1-year-and-counting/

per cui se si vuole continuare a ricevere update e supporto sul proprio sistema di messaggistica è necessario migrare ad Exchange 2013 o Office 365. Non è possibile una migrazione diretta ad Exchange 2016, è richiesto un passaggio intermedio.

Gli update di Settembre 2016 contengono correzione ad una serie di bug e introducono alcune nuove funzionalità, vediamo le più importanti che riguardano Exchange 2016:

Supporto per Windows Server 2016

Exchange 2016 CU3 introduce il supporto per Windows Server 2016, sia come piattaforma su cui installare Exchange Server, sia come Domain Controller, a patto che il livello della foresta sia 2008R2 o superiore.

Exchange 2013 non è al momento supportato su Windows Server 2016 e pare che non lo sarà mai.

Supporto .Net Framework 4.6.2

Il supporto per .Net Framework 4.6.2 riguarda Exchange 2016 CU 3 installato su Windows Server 2016. Il supporto per .Net Framework 4.6.2 su Windows Server 2012 e 2012 R2 verrà rilasciato con i prossimi update di Dicembre 2017, sia per Exchange 2016 che per Exchange 2013.

.Net Framework 4.6.2 sarà un requisito su tutti i sistemi operativi entro Marzo 2017.

Read From Passive

Finalmente è stata rilasciata una delle feature più attese e più ritardate.

In generale si è lavorato molto per migliorare l’utilizzo della banda per la replica tra membri di un DAG. Questo miglioramento pare che abbia ridotto i tempi di failover del 33%.

In particolare “read from passive” significa che l’indexing dei contenuti sulle copie passive viene fatto localmente, sulla copia passiva, mentre precedentemente veniva eseguito dal server che ospitava la copia attiva e progressivamente trasferito ai server che ospitavano le copie passive del database. Questo riduce drasticamente la quantità di dati trasferiti tra i membri del DAG snellisce i tempi di failover.

Informazioni aggiuntive

In ambienti ibridi Microsoft richiede che siano installate le ultime versioni di updates:

Customers in hybrid deployments where Exchange is deployed on-premises and in the cloud, or who are using Exchange Online Archiving (EOA) with their on-premises Exchange deployment are required to deploy the most current (e.g., 2013 CU14, 2016 CU3) or the prior (e.g., 2013 CU13, 2016 CU2) Cumulative Update release

L’installazione di Exchange 2016 CU3 richiede l’update dello schema di AD, mentre per quanto riguarda Exchange 2013 CU14 non è richiesto, se la versione installata è almeno CU7.

A presto.

Roberto