Hybrid Connectors: il parametro CloudServicesMailEnabled

emailcloud

Se andiamo ad analizzare i connettori utilizzati in un Exchange hybrid deployment, notiamo la presenza del parametro “CloudServicesMailEnabled” impostato a “True”.

imageIn alcune situazione dove ho dovuto fare troubleshooting o eseguire modifiche manuali sui connettori, mi sono chiesto a cosa servisse esattamente, anche se il nome del parametro è abbastanza descrittivo.

La documentazione Technet relativa alle cmdlet di creazione e modifica dei connettori (Set-SendConnector, New-SendConnector, New-InboundConnector, Set-InboundConnector, New-OutboundConnector, Set-OutboundConnector) descrive il parametro CloudServicesMailEnabled  in modo piuttosto sintetico:

image

esattamente come l’help delle cmdlet:

image

A questo punto ho deciso di approfondire e ho ottenuto delle informazioni interessanti.

Innanzitutto il parametro CloudServicesMailEnabled non va mai modificato manualmente a meno che non venga indicato dal supporto Microsoft per una specifica ragione. Il parametro viene impostato dalla Hybrid Configuration Wizard.

Il parametro CloudServicesMailEnabled  indica se il connettore è utilizzato per l’hybrid mail flow tra un ambiente Exchange on-premises e Office 365. In particolare questo parametro controlla come alcuni header interni X-MS-Exchange-Organization-* vengono gestiti in messaggi inviati tra “accepted domain” definiti nelle organizzazione on-premises e cloud.

Questi header sono conosciuti come “cross-premises headers

I valori impostabili per il parametro CloudServicesMailEnabled   sono:

$true

Il connettore è utilizzato per il mail flow in organizzazione ibride in modo che i “cross-premises header”  vengano preservati o promossi nei messaggi che transitano dal connettore.
E’ il valore di default per i connettori creati dalla Hybrid Configuration Wizard.

  • Preservati per i messaggi in uscita: determinati header X-MS-Exchange-Organization-* nei messaggi in uscita che sono inviati da on-prem verso on-line o viceversa, in un hybrid deployment, vengono convertiti in header X-MS-Exchange-CrossPremises-* e preservati nei messaggi
  • Promossi per i messaggi in ingresso: determinati header X-MS-Exchange-CrossPremises-* nei messaggi in ingresso ricevuti da on-prem o da on-line, in un hybrid deployment, vengono promossi a header X-MS-Exchange-Organization-*. Questi header promossi sostituiscono ogni istanza degli stessi header X-MS-Exchange-Organization-* esistenti nel messaggio
$false

Il connettore non è utilizzato per il mail flow in una hybrid organization, per cui ogni “cross-premises header” verrà rimosso dai messaggi che transiteranno da questo connettore

Queste informazioni dettagliate mi sono state date da Chris Davis, il Technical Writer Microsoft che ha in carico la gestione delle pagine Technet relative a questo argomento.

Chris ha detto che avrebbe aggiornato le pagine Technet integrandole con le informazioni che mi ha fornito, ma ad oggi non vedo nulla di nuovo, per cui questo post, per ora, è l’unica fonte di informazioni disponibile sul parametro CloudServicesMailEnabled  Smile.

Roberto